arti marziali trieste - ATLETICA STUDIO

Vai ai contenuti

Menu principale:

AUTODIFESA WING TSUN
Il metodo di difesa personale Wing Tsun ha radici molto lontane,  si narra che alla fine del 1700 la monaca Ng Mui scampata alla distruzione del tempio di Shaolin educò una ragazza dal nome Ym Wing Tsun all'arte del combattimento la ragazza risiedette dalla monaca per circa due anni dopodichè fece ritorno al paese dove affronto e sconfisse un bullo locale che forte della sua forza la importunava continuamente per poterla avere in moglie. Dopo questa sconfitta da parte di una ragazza il bullo per vergogna dovette lasciare il paese e Ym Wing Tsun potè sposarsi con il suo amato da quel giorno molte persone vollerro imparare quest'arte che venne poi chiamata " WING TSUN KUEN "  (il metodo di combattimmento di Ym Wing Tsun)

RUSSIAN MARTIAL ART   "SYSTEMA"
Disciplina nata in Russia ufficialmente nel 1934 applicando il metodo scientifico per verificare quanto e cosa fosse efficace nel combattimento realistico. Furono coinvolti esperti delle discipline da combattimneto autoctone della Russia e di dicipline orientali, le risultanze vennerò confrontate con le disciline accademiche classiche quali: fisiologia umana, biomeccanica, psiche e neurofisiologia. Venne così ottenuto un SISTEMA che prevedesse come prima funzione l'uomo e non la tecnica. SYSTEMA " è conosciuto anche con il nome: "POZNAI SEBIA" (conosci te stesso). Viene insegnato attraverso un metodo addestrativo come in ambito militare. Il fine è di ottenere movimenti naturali, reazioni istintive, tecniche fluide, abitudine ai vari contesti operativi. " SYSTEMA " era rimasto segreto fino agli anni 1980 ed era insegnato solo alle forze speciali KGB; Spetznaz; GRU

TAI CHI CHUAN marziale
Metodo  morbido, fluido, armonico, aiuta a trovare sia il centro del corpo che della mente. Particolarmente adatto ad un riequilibro posturale senza tralasciare gli apetti marziali dell'arte basa la sua forza su attitudine alla mobilità del baricentro del proprio corpo e mai di forza fisica o violenza

"Autodifesa per Ragazzi" wing tsun kids
All'interno della disciplina WingTsun un programma specifico studiato per i bambini nella fascia di età che va dai 5  ai 12 anni. Sviluppa autostima nei propri mezzi; capacità di reagire ai sopprusi con autorità ed equilibrio,
dinamiche di antibullusmo; in sintesi far crescere un bambino con la capacità di affrontare il mondo    
Obiettivi sportivo educativo formativo.

"Autodifesa per Ragazzi" russian systema juvens
Trae spunto dalla didattica del metodo Russo chiamato Systema ma adattata alla fascia di età che va dai 10  ai 15 anni. Gran parte del lavoro viene eseguito per la costruzione di un corpo forte e mobile ma sopratutto per creare una persona stabile dal punto di vista psicologico curando in particolar modo gli aspetti emotivi di un confronto anche solo verbale, in modo da libersi da un'eccessiva timidezza o contenere un inadeguata esuberanza. Vengono affrontati temi consoni ai ragazzi quali antibullismo ed aspetti cinestetici proprie delle discipline di lotta. Obiettivi sportivo educativo formativo.

FUNCTIONAL TRAINING
L'allenamento funzionale è un concetto apparente moderno nel panorama del fitness in realta è solo un nome moderno per definire il movimento dell'Atleta nella sua accezzione classica. Funzionale ad uno specifico scopo quindi non più  la formazione di singoli muscoli che danno un risultato solo dal punto di vista morfologico bensì allenamento di catene cinetiche al fine da  avere un corpo forte fluido e potente. Il movimento funzionale porta a grandi benefici sia sotto l'aspetto atletico che cardiovascolare permette inoltre di sfogare liberamente tensioni e stress accumoltati durante una giornata sedentaria

METODO PILATES
Il metodo PILATES nasce da "Joseph Hubertus Pilates" il quale attraverso lo studio di antiche tecniche orientali trasse ispirazione per unire alla semplice ginnastica altri aspetti della fisiologia umana quali la respirazione e il controllo propriocettivo. È un programma di esercizi che si concentra sui muscoli posturali, cioè quei muscoli che aiutano a lavorare con la forza di gravità e sono essenziali a fornire supporto in particolare alla colonna vertebrale. Il metodo è indicato anche nel campo della rieducazione posturale e della riabilitazione post-traumatica. In particolare, gli esercizi di Pilates si basano sull'uso del respiro consapevole e volontario e sull'allineamento di tutta la struttura, rinforzando i muscoli situati più in profondità nel tronco, molto importanti per aiutare ad alleviare e prevenire dolori e disturbi alla schiena, alle spalle e in generale a tutto il corpo. Il metodo lavora centralmente sulla tonificazione e sul rinforzo di quella che lo stesso Pilates definì "Power House", che comprende tutti i muscoli addominali più superficiali (retto, obliqui e trasverso), i muscoli psoas, quelli del pavimento pelvico, adduttori, glutei, ischiocrurali e i muscoli paravertebrali: in definitiva, tutti i muscoli che connettono il bacino e gli arti inferiori con il tronco. Il lavoro nacque come esercizio di riabilitazione e comprendeva l'uso di macchine apposite, mentre oggi si è largamente evoluto in una direzione più abbordabile da tutti, e si è diffuso quello che si chiama "Pilates Matwork", da mat, mattress, materasso, esercizi che si svolgono principalmente a terra, sdraiati su un materassino da palestra. Occorre curarne alla perfezione l'esecuzione, alla ricerca del controllo, della fluidità e vengono sempre accompagnati da un uso particolare della respirazione.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu